la lucite_ sai cos' è_

La lucite: sai cos’ è?

Si sente spesso parlare di “lucite” nel mondo della bigiotteria vintage, ma esattamente che cos’è? Ecco svelato l’ arcano.

 

 

Che cos’è la lucite?

La lucite è un materiale plastico sviluppato nel 1928 e commercializzato a partire dal 1933.

 

Inizialmente venne utilizzata come rivestimento protettivo e materiale di incollaggio per vetro. E’ un materiale più trasparente del vetro che, a seconda della composizione, può essere più o meno infrangibile.

 

Come è nata

Due aziende chimiche in contrapposizione stavano studiando un nuovo materiale: la Rohm & Haas ha lanciato la sua versione: cioè il plexiglass chiaro e quasi infrangibile, che venne usato nell’ industria; Du Pont ha creato la lucite e l’ ha introdotta nel mercato della bigiotteria.

 

Caratteristiche della lucite

Questo nuovo materiale era meno costoso da produrre rispetto agli altri materiali che venivano usati fino ad allora per i gioielli, come la bachelite e la galalite e era anche più stabile della celluloide.

 

La lucite è traslucida, simile al vetro, può essere tinta in una vasta gamma di colori e può essere resa opaca con l’ aggiunta di altre sostanze, rendendola il materiale perfetto per i nuovi colori moderni.

 

bracciale in lucite marronegirocollo in lucite rosa

Bracciale in lucite marrone                               Girocollo in lucite rosa

 

 

E’ dura, resistente all’ acqua e leggera, la lucite è flessibile, infrangibile, resistente agli agenti chimici e all’ ossidazione, può essere scolpita e lucidata ed è facile da indossare.

 

Negli anni ’40 e fino agli anni ’60, la lucite è stata molto utilizzata per creare la bigiotteria, proprio grazie alla sua trasparenza e al fatto che potesse essere colorata, in modo da dare un aspetto estremamente lucente all’oggetto.

 

 

Utilizzo diverso

Trifari utilizzò la lucite in un modo insolito. Il gioiello non era interamente in plastica, come avveniva nella maggior parte dei casi in quegli anni. I suoi gioielli avevano sempre la base in metallo, ma utilizzò la lucite per creare la pancia delle linee di gioielli fatte con elementi animali, soprattutto spille.

 

jelly belly trifari

⠀⠀Trifari spilla Jelly Belly galletto⠀⠀⠀⠀⠀                Trifari spilla Jelly Belly pesce

 

 

jelly belly trifari 1
Trifari spilla Jelly Belly uccello del paradiso1948 Trifary spilla Jelly Belly fenicottero

 


Dopo la guerra queste spille divennero molto famose e altri gioiellieri “copiarono” l’idea della manifattura Trifari. In primis la Coro, che fece uscire una collezione completa con il marchio Corocraft. Molti altri si cimentarono in questo tipo di gioielli senza marchiarli però.

 

gioielli coro

Coro demi parure in lucite rosa                       Coro orecchini in lucite marrone

 

 

Oggigiorno viene ancora utilizzata nell’ industria, ma non nel comparto della bigiotteria. Quella che viene comunemente utilizzata oggi, la possiamo semplicemente chiamare “plastica”.⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀

 

** P.S. Ti è piaciuto questo articolo? Potrebbe interessarti anche questo. **

In regalo l’ ebook “la storia del gioiello”

Iscriviti alla mia Lettera Senza Tempo, te ne mando una al mese dove ti racconto in anteprima tutte le novità in arrivo su Senza Tempo Jewelry, condividerò con te riflessioni sulla mia vita e sul lavoro, ti racconterò storie che mi hanno appassionato. Non mancheranno sconti e promozioni riservate a te e qualche regalo.






Tags:
No Comments

Post a Comment